Cosa è riparabile e cosa no




Nel 2018, come VMPCT, ho sovvenzionato il restauro dell’arpa della Sala della Musica del Castello di Masino. Il restauro si è tenuto ai laboratori della Venaria Reale e finalmente l’arpa è tornata al Castello. Uno strumento musicale può danneggiarsi ed essere restaurato, tanto che è relativamente comune che strumenti costruiti secoli fa siano ancora in perfetto uso.



L’orecchio umano, le nostre vie uditive, sono molto più fragili e non si possono riparare. Anzi, è più facile per un musicista anziano, che ha elaborato memorie uditive e sinestesie adeguate, compensare un danno uditivo che per un giovane Artista che le sta ancora elaborando. Questo perchè l’ascolto, l’attenzione d’ascolto che si pone nello studio di uno strumento, di una voce sviluppa vie ed intere circonvoluzioni cerebrali nel cervello dell’Artista.


Dagli studi di Pantev (1998) e Gaser (2003) a quelli di Talamini (2017) ed i numerosi del gruppo di Boris Kleber, tra gli ultimi quello di Steenstrup (2021), lo sviluppo del cervello dell’Artista, sviluppo di apprendimento, di abilità, di performance è documentabile con esami strumentali.


Basi essenziali di questo sviluppo : l’ascolto e l’interazione affinata dalla pratica.


Per questo, soprattutto nel giovane e nel giovanissimo, va monitorata e protetta la funzione uditiva con controlli periodici (Pawlaczyk-Łuszczyńska 2021), corretta igiene dell’orecchio e delle prime vie aeree ed utilizzo di dispositivi di protezione quando indicati, anche in eventi ludici, sportivi o musicali.


Non siamo restaurabili come un’arpa, ma il nostro udito è anche più prezioso.


-


Pantev, C., Oostenveld, R., Engelien, A., Ross, B., Roberts, L. E., and Hoke, M. (1998). Increased auditory cor- tical representation in musicians. Nature 392, 811–814.

Gaser C, Schlaug G. Brain structures differ between musicians and non-musicians [published correction appears in J Neurosci. 2013 Sep 4;33(36):14629]. J Neurosci. 2003;23(27):9240-9245. doi:10.1523 JNEUROSCI.23-27-09240.2003

Talamini F, Altoè G, Carretti B, Grassi M. Musicians have better memory than nonmusicians: A meta-analysis [published correction appears in PLoS One. 2018 Jan 19;13(1):e0191776]. PLoS One. 2017;12(10):e0186773. Published 2017 Oct 19. doi:10.1371/journal.pone.0186773

Steenstrup K, Haumann NT, Kleber B, Camarasa C, Vuust P, Petersen B. Imagine, Sing, Play- Combined Mental, Vocal and Physical Practice Improves Musical Performance. Front Psychol. 2021;12:757052. Published 2021 Oct 25. doi:10.3389/fpsyg.2021.757052

Pawlaczyk-Łuszczyńska M, Zamojska-Daniszewska M, Dudarewicz A, Zaborowski K. Pure-Tone Hearing Thresholds and Otoacoustic Emissions in Students of Music Academies. Int J Environ Res Public Health. 2021;18(3):1313. Published 2021 Feb 1. doi:10.3390/ijerph18031313



14 visualizzazioni0 commenti