Parliamo di Voce . 2 - Canto, scienza, arte e … metafore

Aggiornamento: 24 giu


Canto, scienza, arte e … metafore

“Nel canto avrei voluto puregli studi antichi uniti alla declamazione moderna” G. Verdi


15 giugno, alle 21, ho tenuto un incontro Zoom, gratuito, aperto a quanti erano stati invitati il 22 aprile scorso al Convegno Internazionale di Studi Scienza e Arte della Voce, nella Sala Puccini del Conservatorio di Milano. Quell’evento, a conclusione di un progetto durato tre anni, “Scienza e Arte della Voce. Evoluzione ed attualità di un dialogo interdisciplinare nei testi del Conservatorio G. Verdi di Milano”, dove ho collaborato con il M° Cazzaniga, prevedeva interventi Autori Italiani e Stranieri ed i video saranno presto consultabili nel sito del Conservatorio.


Per ragioni di tempi di collegamento ridussi il tempo per il mio intervento finale, promettendo di riproporlo con calma. E siamo arrivati a rispettare l’impegno.


Abbiamo parlato dell’attualità scientifica di quei testi, nel confronto tra le osservazioni di Medici ed Insegnanti di Canto da fine Ottocento a Primo Novecento e le scoperte scientifiche coeve e successive in tema di voce.


Nel frattempo, gli incontri webinar e video del progetto stanno diventando capitoli di un libro che dovrebbe essere pubblicato dal Conservatorio entro l’anno.


Voglio riportarvi un attimo al momento che ci decise a questo progetto.

Ci eravamo conosciuti, come spesso accade tra Medici e Insegnanti, per discutere punti comuni e confrontare i rispettivi punti di vista. Nella ricerca in Biblioteca delle “radici” fu veloce risalire da Meano a Biaggi, Bilancioni, Nuvoli … e proprio in Janua Cantus, Giuseppe Nuvoli e Pio di Pietro citavano nel loro prologo l’utilità della fisiologia ed il pericolo insito nelle metafore, per chi studia ed insegna canto… citando per esteso Carlo Labus.




12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti